Firenze, la Città Rinascimentale che piace a tutto il mondo

Una città rinascimentale che piace a tutto il mondo, questa è Firenze con le sue bellezze artistiche che superano i confini culturali e provocano emozioni in ogni persona a prescindere dal luogo di provenienza.

Una città rinascimentale che piace a tutto il mondo, questa è Firenze con le sue bellezze artistiche che superano i confini culturali e provocano emozioni in ogni persona a prescindere dal luogo di provenienza.
Americani ed europei sono stati tra i primi a scoprire la bellezza eterna di questa città, poi sono arrivati i giapponesi primi tra gli asiatici, con l’apertura del resto del mondo al turismo anche tutti gli altri popoli hanno potuto visitare Firenze, rimanendo ammaliati dalle opere artistiche ed architettoniche uniche ed irripetibili che la rendano di diritto una delle più importanti città d’arte del mondo.

Anche persone provenienti da paesi che affondano le proprie radici culturali in millenni di storia e tradizione come cinesi, indiani, russi, visitando Firenze sono rimasti affascinati in modo profondo dall’altissimo livello artistico e dal grande estro che i grandi maestri del rinascimento hanno impresso nelle opere realizzate in questa città.
Tali opere oltre d essere la massima espressione artistica del rinascimento sono testimonianze uniche di ciò che l’uomo è in grado di esprimere quando sussistano le condizioni ottimali perché queste si possano realizzare.

Accanto al grandissimo talento artistico di maestri come Michelangelo, Giotto, Botticelli e molti altri, nel rinascimento a Firenze si crearono le condizioni perfette perché questo patrimonio umano potesse esprimere il massimo della propria potenzialità.
Condizioni che molto spesso non hanno avuto altri grandi artisti nati e vissuti in altri luoghi ed in altre epoche, Firenze si distinse anche per essere un centro universale per qualsiasi attività che fosse commerciale, politica, religiosa, scientifica, sociale, oltre che artistica.
Firenze nel rinascimento era la punta di diamante di un mondo che cercava il progresso ed in molti casi la perfezione in ogni aspetto, queste condizioni di prosperità furono un polo di attrazione per le più grandi menti dell’epoca, la popolazione di Firenze nel rinascimento era tra le più numerose d’europa, paragonabile alle più grandi metropoli attuali.

Firenze basava la propria grandezza su solide basi economiche, i suoi abitanti furono per secoli abilissimi commercianti capaci di instaurare rapporti commerciali con paesi lontani, in questa città nacquero anche i primi servizi bancari come le lettere di credito che permettevano di commerciare o prestare soldi a grande distanza senza dover fisicamente spostare il denaro.
La moneta di Firenze era il Fiorino, che grazie alla grande importanza e potenza economica della città si diffuse all’epoca in modo così esteso che non è sbagliato paragonarla al dollaro di oggi, tanto che il fiorino fu imitato da molti paesi stranieri che coniarono la propria moneta ispirandosi ad essa.

Anche i diritti delle persone conobbero quà le migliori condizioni dell’epoca grazie al buon governo di dinastie come quella de Medici che governarono per secoli le sorti di Firenze, regalando un periodo di prosperità e di pace che permise a Firenze di concentrare tutte le proprie risorse nel progresso in tutti i campi, al contrario di ciò che avveniva spesso in altre nazioni che utilizzavano le proprie risorse per scatenare disastrosi conflitti che sconvolsero l’europa di quel periodo.

Di Susanna Mantovani

Potrebbero interessarti anche...

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com