L'ECO tele7

Informarsi è un piacere!

Prestazioni complementari – un diritto per tutti i residenti in Svizzera

Caro avvocato,

sono un pensionato che percepisce una modesta rendita AVS con la quale faccio molta fatica a vivere e ad arrivare alla fine del mese. Due anni or sono, lei aveva accennato alla possibilità di riscuotere delle prestazioni complementari. Mi può ancora delucidare in merito.

Caro Signor Gianni, effettivamente avevo accennato a questo tipo di prestazione che viene erogata dallo Stato quando le entrate mensili di una persona inserita nel sistema AVS (Assicurazione Vecchiaia e Superstiti) non le permettono di vivere. Va innanzitutto detto che le Prestazioni Complementari (di seguito PC) rappresentano un diritto per tutti gli abitanti di questo paese, stranieri inclusi. La materia è retta dalla Legge Federale sulle Prestazioni complementari all’assicurazione per la vecchiaia i Superstiti e l’Invalidità del 6 ottobre 2006.

La prima condizione per poter usufruire di questo aiuto statale è l’inserimento nel sistema AVS. Orbene vi è inserimento quando:

  1. si riceve una rendita di vecchiaia dall’AVS

  2. si riceve una rendita vedovile

  3. si riceve una rendita per orfani

  4. si riceve una rendita d’invaliditâ

A dipendenza delle situazioni indicate le entrate mensili possono risultare basse. Molte volte non è il caso per la rendita di vecchiaia AVS poiché la medesima viene generalmente completata da una rendita versata dal secondo pilastro o cassa pensione. Anche in questi casi può perô succedere che la rendita del secondo pilastro, al momento del pensionamento, non esista più poiché in precedenza utilizzata per acquistare la propria casa o magari per avviare un’attività da indipendente o perché la medesima è modesta

Anche gli stranieri possono beneficiare delle PC a condizione di dimorare legalmente in Svizzera e questo nei 10 anni che precedono la richiesta di PC.

L’erogazione delle PC viene invece sospesa (non annullata) se lo svizzero o lo straniero dimora più di 3 mesi all’anno all’estero. Attenzione, viene sospesa solo l’erogazione della PC ma non della rendita AVS che può pertanto essere percepita anche all’estero.

Ricevuta la richiesta di prestazioni complementari, l’autorità competente (generalmente la cassa cantonale di compensazione) valuta se le condizioni sono realizzate e sulla base di un semplice calcolo, determina se vi è margine per poter erogare la prestazione. Generalmente e per schematizzare, la cassa cantonale prende in considerazione il minimo vitale mensile (da non confondere con il minimo esistenziale in ambito di esecuzioni e fallimenti), le spese di cassa malattia e le spese di locazione (per queste ultime le disposizioni legali fissano un limite massimo). Anche il fatto di essere il proprietario di un’abitazione privata e primaria non esclude il versamento di una PC. Al posto delle spese di affitto vengono considerati gi interessi ipotecari pagati annualmente: Il minimo vitale mensile, le spese di cassa malattia e quelle limitate di locazione eo interessi ipotecari vengono sommate e danno il fabbisogno mensile della persona. Da questo fabbisogno vengono tolte le entrate (le differenti rendite versate da AVS, AI, ecc..). Se sussiste un ammanco nel senso che le uscite sono superiori alle entrate, la cassa decide il versamento della prestazione complementare sulla base dell’ammanco.

Interessante pr il beneficiario di PC è che i premi mensili di cassa malattia, come pure la partecipazione ai costi della cassa malattia (il famoso 10%) vengono presi a carico dallo Stato.

Per evitare degli abusi, periodicamente le casse cantonali di compensazione procedono a dei controlli e a delle revisioni delle prestazioni erogate.

Quello appena decritto, sommariamente e nelle grandi linee, è un diritto che può aiutare anche in modo sostanziale chi è costretto a vivere con le magre entrate versate ad esempio solo dall’AVS: Consiglio pertanto a tutti i lettori che dovessero trovarsi in una situazione come quella qui descritta di rivolgersi senza indugio agli sportelli delle agenzie AVS sparsi in tutti i Comuni della Svizzera e chiedere dei ragguagli in materia. Ricordate: le prestazioni Complementari sono un diritto per chiunque risiede stabilmente nel nostro paese.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com