L'ECO tele7

Informarsi è un piacere!

L’irrazionalità della burocrazia – Lo sportello fantasma

The funny accountant bookkeeper working in the office

La burocrazia, secondo il vocabolario Treccani è l’insieme di apparati e di persone al quale è affidata, a diversi livelli, l’amministrazione di uno Stato o anche di enti non statali, è l’organizzazione di persone e risorse destinate alla realizzazione di un fine collettivo secondo criteri di razionalità, imparzialità, impersonalità.

Durante tutto i mio percorso professionale (una ventina di anni nella svizzera tedesca e una decina in Ticino) la burocrazia del mio paese non è mai stata un problema, anzi, ogniqualvolta necessitavi qualche cosa dallo Stato bastava una telefonata, una visita allo sportello di turno per ottenere tutto quanto ti poteva servire.

Nel 2013, con la mia famiglia, mi sono trasferito a Panama. Dopo due anni, a causa di una malattia, mia moglie è venuta a mancare e il sottoscritto ha fatto rientro in Svizzera. Mi ricorderò sempre il giorno in cui mi sono recato presso l’ambasciata Svizzera a Panama City per annunciare il mio rientro. Il Console svizzero mi ha detto le testuali parole: “ sono solo due anni che lei è lontano dal suo paese natale ma si renderà conto, non appena rientrato, di come la burocrazia ha preso piede anche in Svizzera”.

Memore di come avevo lasciato Lugano solo due anni prima non ho voluto credere a quanto mi stava raccontando il Console in questione. Purtroppo ho dovuto ricredermi e ammettere che quelle parole che più calzavano per altri paesi, rappresentavano anche il mio di paese. Non stô a tediarvi con gli innumerevoli ostacoli burocratici che hanno accompagnato solo il rientro in patria della salma di chi fu mia moglie (basterebbero per scrivere un libro) ma vi racconto un solo episodio capitatomi pochi mesi or sono.

Ho assistito una mia cara conoscente italiana, residente da piû di 60 anni in Svizzera, che voleva ottenere un documento di quelli che in passato ottenevi in 5 minuti. Il percorso del combattente in perfetto stile di burocrazia da terzo mondo (nel terzo mondo ci ho vissuto e perciò so di cosa stô parlando), Tutto inizia da una ricerca su internet dalla quale si evince che la richiesta online di quello specifico documento,per gli stranieri, non è possibile. Bisogna quindi recarsi di persona presso lo sportello ubicato in uno dei comuni della periferia di Lugano.

Arrivi in loco e di sportello nemmeno l’ombra, ma solo un anonimo citofono. Buongiorno, sono l’avv. x y e avrei bisogno di un documento che solo voi emettete per una mia assistita. Mi sento rispondere: Se si gira avvocato trova dei formulari ed uno riguarda il documento che sta’ cercando. Compili pf il formulario. Già un po’ indispettito per il manco di collaborazione (a me piace guardare in faccia il funzionario con il quale ho da fare e non solo interloquire tramite un citofono) compilo il formulario in ognuno dei suoi punti e poi ritorno davanti al “maledetto” citofono e dico: Ho compilato il formulario, mi apre pf. che lo consegno? La voce anonima dall’altro capo del citofono mi dice: NO guardi avvocato, il formulario non può consegnarlo qui da noi, deve trasmettercelo per posta o per email!!!! No dico, scherziamo o cosa. Chi dovrebbe ricevere il formulario si trova a pochi cm da me dietro una porta ed io dovrei tornare in studio e spedire il formulario, che avrei potuto consegnare immediatamente, per posta o per email? Come piace dire al sottoscritto senza per forza voler offendere chicchessia “nemmeno in Burundi ti trattano cosî!!!!

Se ripenso alla Treccani e alla definizione di burocrazia mi chiedo dove la razionalità di questa procedura? Ovvio poi che dopo questi episodi ti rifugi nei luoghi comuni che non per forza definiscono una categoria di lavoratori, del genere: “guardi signorina che una parte dello stipendio che lei intasca ogni 24 del mese, del resto senza muovere una paglia per non utilizzare espressioni molto più colorite, lo pago anch’io con le imposte.

Assurdo, permettetemi di gridarlo ad alta voce. Assurdo che tutto questo succede nel mio paese che è sempre stato, purtroppo solo nel passato, descritto come un modello di funzionalità e della tanto decantata razionalità di cui sopra. Cerchi su internet “burocrazia in Svizzera” e capiti sulla homepage dell’amministrazione federale che promuove l’amministrazione semplificata dove puoi leggere: l’eccesso di burocrazia soffoca l’economia, per questo la nostra amministrazione, che nel raffronto si distingue per la sua semplicità, è un importante valore aggiunto per la Svizzera come piazza imprenditoriale. Mi fa piacere che l’amministrazione federale abbia capito che l’eccessiva burocrazia soffoca l’economia. Ora attendo che anche tutti i Cantoni facciano propri questi sani principi.

Burocrazia a parte, una buona settimana a tutti i lettori de l’ECO:

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com