L'ECO tele7

Informarsi è un piacere!

Il Geranio (Pelargonium graveolens)

Geranium essential oil with fresh geranium flowers, on the old wooden board

L’etimologia del nome “Pelargonium” deriva dal greco “pelargòs” che significa “cicogna”, per la forma dei suoi frutti che ricorda il becco della cicogna. La storia dei gerani da profumo e da ornamento iniziò nel ‘700 quando questa pianta venne scoperta in Africa. Ad importare in Inghilterra i primi gerani rosa per ricavarne profumo fu la duchessa di Beaufort. Nacquero così le industrie per la produzione dell’essenza di Geranio con distillazione in corrente di vapore. Questo olio essenziale, infatti, è una delle materie prime base della profumeria.

Il Pelargonium graveolens, appartenente alla famiglia delle Geraniaceae, è una pianta ramificata a portamento espanso un po' ricadente. Presenta foglie palmate, lobate dentate, ruvide sulla parte superiore di colore verde chiaro, che emanano un odore caratteristico, se sfregate. Stropicciando le foglie tra le mani e passandole sulla pelle si ottiene un effetto repellente contro gli insetti, soprattutto le zanzare. I fiori sono piccoli, di colore rosa con una macchia porpora sui due petali superiori riuniti in ombrella. La fioritura del geranio avviene nella stagione primaverile, da giugno a ottobre. Una delle caratteristiche che contraddistingue questa specie dalle altre è la particolare profumazione di rosa che emanano i suoi fiori nella stagione di fioritura

COME SI UTILIZZA

Raccolta e conservazione

Raccogliere le foglie poco prima del periodo dellafioritura, lavarle bene e farle essiccare all’ombra in un luogo aerato. Conservare le foglie così essiccate in barattoli di vetro o porcellana, ben chiusi e al riparo dalla luce, dalla polvere e dall’umidità. Sono impiegate le foglie fresche o essiccate.

Infuso di foglie fresche: mettere in infusione, in una tazza di acqua bollente, un cucchiaino di foglie fresche leggermente pestate, dopo 10-15 minuti colare e bere ancora caldo, se si desidera, addolcire con un poco di miele, la dose consigliata è 2-3 tazze al giorno, preferibilmente lontano dai pasti.

Infuso di foglie essiccate: lasciare in infusione per 15 minuti, in una tazza di acqua bollente, 10-15 g di foglie essiccate e sminuzzate, colare e prenderne a cucchiai secondo le indicazioni (un ucchiaio ogni due ore)

Olio essenziale: ricavato per distillazione dalle foglie fresche non è possibile prepararlo in casa, si acquista già pronto in erboristeria.

Impacchi: lavare bene alcune foglie, in modo da eliminare tutte le eventuali impurità, pestarle in un mortaio e applicarle così contuse direttamente sulle zone interessate.

Per la bellezza

Spesso utilizzato nelle preparazioni destinate al trattamento dei capelli grassi e delle pelli acneiche, grasse e impure, si rivela utile come idratante anche per pelli miste, secche e mature. L'essenza di geranio previene le smagliature rendendo la pelle più tonica ed elastica, contrasta la cellulite, migliorando anche il microcircolo attraverso massaggi drenanti, previa emulsione con un olio neutro comquello di mandorle dolci. Utile nei prodotti deodoranti, con un'azione duratura che contrasta i cattivi odori del corpo con la sua azione antibatterica.

Bagno rinfrescante e rilassante: aggiungere all’acqua del bagno calda, ma non bollente, 10-15 gocce di olio essenziale o una o due tazze d’infuso di foglie essiccate, mescolare bene e aspettare 2-3 minuti, quindi immergersi per circa venti minuti.

Aromaterapia: il geranio è in grado di alimentare l’intuito e l’immaginazione e di aiutare a trovare una via di uscita dalle situazioni particolarmente stressanti. Stimola la volontà del soggetto ad esprimersi liberamente senza trattenere i propri sentimenti o le proprie emozioni, aiutando a ritrovare un equilibrio psicologico e la motivazione nell’affrontare la giornata.

In cucina

Il geranio è ampiamente utilizzato in campo alimentare: i fiori possono essere cosparsi come aromatizzanti su insalate di stagione. Le foglie, tritate finemente, oppure qualche cucchiaio d’infuso, sono usate per insaporire salse, crostacei, sorbetti, ciambelle, burro, marmellate, zucchero, sciroppi e aceti.   Sempre le foglie sono molto decorative nella guarnizione di dolci, per dar gusto sono messe sotto focacce di mele, o torte al forno, sono aggiunte a un bicchiere di vino, o utilizzate per la preparazione di minestre, zuppe e stufati.

 

PROPRIETÀ

Azione antinfiammatoria: grazie alla presenza del d-Limonene, riconosciuto per le sue proprietà antinfiammatorie, l’olio essenziale di geranio è utile in caso di infiammazioni sia a livello cutaneo che mucoso, con la possibilità di poter effettuare dei gargarismi o dei massaggi rilassanti che aiutano ad alleviare il rossore e il dolore delle zone affette, grazie anche ad una leggera attività antidolorifica. Come antisettico per le infiammazioni della gola e del cavo orale, vanno diluite in acqua poche gocce di olio per effettuare sciacqui e gargarismi.

Azione lenitiva e cicatrizzante: agisce sulle mucose e si rivela utile nel trattamento di ferite, herpes, ulcere e stomatiti. Viene anche suggerito come rimedio contro acne, piaghe e ustioni. Per curare questi distubi si utilizzano alcune gocce di essenza di geranio da massaggiare direttamente sulle zone interessate.

Azione calmante e antidepressiva: l'essenza estratta dal geranio ha una azione calmante, utile contro stress, agitazione ed eccitabilità. Adatta anche ai bambini per la sua azione riequilibrante del sistema nervoso

Azione stimolante linfatico-vascolare: l’azione stimolante ed attivante il sistema vascolare linfatico rende il prodotto ideale per trattare l’accumulo di liquidi nel sottocute o negli spazi interstiziali dei tessuti, agendo come anti-edemigeno e come drenante per alleviare i disturbi e gli inestetismi legati alla cellulite. La sua azione sul sistema cardio-vascolare invece può rivelarsi utile in caso di varici, couperose o fragilità capillare.

Azione repellente: l’azione insettifuga dell’olio essenziale di geranio è in grado di allontanare qualsiasi specie di insetto, ma in particolare mosche e zanzare. L’efficacia può essere ottenuta attraverso vari modi di utilizzo, come la diffusione ambientale in casa o da esterno su terrazzi e/o balconi contenenti fioriere, ma anche attraverso la creazione di una lozione spray da applicare sulla pelle prima di addormentarsi o prima di recarsi in zone particolarmente afose.

Controindicazioni

L’olio essenziale di geranio è un prodotto sicuro se utilizzato accuratamente diluito in oli vettore e vegetali, come quello di mandorle dolci, Aloe vera o Jojoba. L’olio essenziale di geranio può creare fenomeni di sensibilizzazione per la presenza degli allergeni Citronellolo; Geraniolo; Linalolo; d-Limonene. Prima dell’utilizzo si consiglia di applicare una singola goccia diluita sulla piega interna del gomito ed aspettare 24 ore per vedere se si manifestano alterazioni a carico della cute, indicativi di una sensibilizzazione nei confronti del prodotto.

CURIOSITA'

La differenza tra Pelargonium e Geranium

L'unica cosa in comune che hanno i due generi è l'appartenenza alla famiglia delle Geraniaceae; distinzione a cui si è giunti solo nel 1700. I Geranium si sviluppano maggiormente in larghezza e non in altezza e possono sopportare temperature decisamnete piu' fredde. I Pelargonium invece non riescono a sopravvivere in condizioni estreme, in zone dove il gelo li possa raggiungere.

I fiori sono simili con la sola differenza di forma e dimensione dei due petali superiori rispetto agli altri nel Pelargonium. Alla perfetta simmetria dei fiori dei Geranium si contrappone quindi una leggera assimetria nei Pelargonium.

 

Di Stefania Calzà Santoni

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com