L'ECO tele7

Informarsi è un piacere!

L’avarizia: un limite umano

Vi ricordate dello zio Paperone? Si, quel vecchio avido e avaro che accumulava tutti i suoi soldi in un enorme forziere che straboccava di dollari e ben custodito. E nella realtà, conoscete qualche avaro? Io si! Anni or sono, mio marito ed io, abbiamo deciso di fare una vacanza insieme a dei conoscenti (che evidentemente poco conoscevamo!). Prima della partenza ci siamo incontrati per discutere alcuni dettagli. Uno degli argomenti che abbiamo affrontato è stato quello del “malloppo” che avremmo portato per le spese extra che avremmo dovuto sostenere durante la nostra vacanza (allora le carte di credito e affini non erano ancora molto in uso). Abbiamo concordato una cifra x e, giorni dopo, siamo partiti per la ridente località. E lì sono cominciati i “guai”. Ogni qualvolta che ci si recava al bar per bere una bibita, i nostri compagni di viaggio avevano sempre problemi nel trovare il portamonete o, peggio ancora, l'avevano addirittura “dimenticato” in camera. Alla coppia Bernasconi non restava null'altro da fare se non saldare il conto. Così è andata per l'intero soggiorno. Al ritorno, con una faccia tosta incredibile, i nostri conoscenti (che finalmente conoscevamo bene!) contavano quanto, della cifra iniziale, gli fosse rimasta. Potete immaginare quale sia stato il risultato! I due rientravano a casa con quasi l'intera somma con la quale erano partiti, infelici perché la vacanza non era stata di loro gradimento. I coniugi Bernasconi tornavano a casa a tasche vuote, ma felici per aver avuto la possibilità di conoscere posti nuovi e culture diverse. Ecco, penso che gli avari non riescano nemmeno a godere delle belle cose della vita, intenti come sono a custodire e preservare la loro ricchezza. È come se vivessero in un museo: conservare tutto per paura che qualcosa della ricchezza materiale si possa consumare. Che tristezza! Ci sarà un rimedio a questo limite umano? Non credo! Che fare allora? Cercare di conoscere bene i conoscenti e starne alla larga. Non c'è altro da fare!

Maria Bernasconi

 

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com