L'ECO tele7

Informarsi è un piacere!

Brevi spunti sulla Regionale 22

Forme d'arte sempre piú "à la page"

Giusto in dicembre e gennaio si è svolta come ogni anno una kermesse d'arte contemporanea internazionale chiamata “Regionale” che ha coinvolto con le sue strutture espositive tre paesi confinanti fra loro: la Svizzera, la Francia e la Germania.

In questo “triangolo” territoriale votato per alcune settimane all'arte figurativa ho avuto modo di scorgere, anche se parzialmente, le attuali tendenze artistiche di tanti artisti soprattutto locali e chi fra loro ne fa con caparbietà le veci.

In un pomeriggio molto freddo e piovoso sono stato a Riehen, poco fuori di Basilea e ho visitato le candide sale espositive del Kunst Raum.

Aggirandomi lentamente in uno di questi interni sono stato veramente sorpreso nel constatare la presenza di una scultura di un bianco intenso. Un lavoro che osservandolo attentamente, mi lasciò a bocca aperta. Tanto per intenderci, era la fotocopia in tre dimensioni della xilografia “La grande onda”, in perfetto stile Ukiyo-e del sommo artista del sol levante Katsushika Hokusai, xilografia che una decina di anni fa rifeci anch'io collocandola però all'interno dello schermo di un computer.

Un'altra sorpresa l'ho avuta salendo nei piani superiori del Kunst Raum dove mi sono trovato a tu per tu con dei lavori in chiave concettuale fra i quali alcuni che, lo ammetto, mi hanno intrigato non poco. Uno di loro rappresentava degli specchi incorniciati di varie misure posti sul pavimento che hanno azzerato la loro principale funzione, cioè quella di potersi specchiare, perciò dovrei chiedere spiegazioni all'autore.

In conclusione, come ho frequentemente sottolineato, per tanti artisti, soprattutto scultori, vi è nell'aria una determinazione strisciante e più che giustificata nel ricercare con tanta tenacia delle forme d'arte sempre più à la page coi tempi che viviamo, ormai spesso segregati in casa.

Andrea Pagnacco

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com