L'ECO tele7

Informarsi è un piacere!

I limiti della scienza

Da pochi giorni è iniziato il nuovo anno. Così ricominciamo, o meglio, continuiamo a vivere gli eventi con la speranza che le cose migliorino. Sempre, ma soprattutto in questo periodo, abbiamo bisogno di illusioni, di sogni e di speranze per dare un senso alla vita. Pensare al futuro in cui qualcosa di buono succederà è indispensabile in un momento così buio. Le notizie che ci giungono in questi giorni non sono certo confortanti. Sappiamo tutti che la scienza procede per errori e, ci dicono, dobbiamo accettarne i limiti, ma è pur vero che i pareri contrastanti sono molti, troppi! Gli scienziati, in quanto tali, dovrebbero rimanere fermi sui dati empirici che hanno e non sbilanciarsi a dare una loro visione. Invece, i salotti televisivi sono presi d'assalto da professoroni che ci riempiono la testa delle loro personali opinioni. Per alcuni di loro, qualche morto in più non è poi così grave, per altri lo è. Taluni pensano che se qualcuno si impoverisce un po' non è così grave, per altri lo è. Parlano delle loro scale di valori o focalizzandosi sugli interessi degli uni e degli altri. Molti di loro ci dicono che vaccinarsi è importantissimo (e lo credo anch'io), ma non ci dicono chiaramenete quanti ricoverati siano vaccinati o meno, quanti dei malati gravi siano no-vax o meno e quante persone che abbiamo perso erano state vaccinate. C'è chi pensa che sia indispensabile chiudere nuovamente tutto e chi pensa che bisogna ridurre il periodo di quarantena. Signori miei, che caos! Noi, gente comune, siamo sempre più confusi, demoralizzati e cresce in noi allarmismo e diffidenza, oltre al fatto che, così facendo, offriamo sempre più alibi a chi è contrario al vaccino. Solo numeri certi potrebbero convincere i no-vax a vaccinarsi. In conclusione: io credo nella scienza, ma certi personaggi farebbero bene a tacere accettando, per primi, i limiti del sapere.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com