L'ECO tele7

Informarsi è un piacere!

Rinnovo dei Comites con comica finale

Dopo aver dedicato questa rubrica alla questione “Comites” per ben due volte nelle settimane di avvicinamento alla scadenza del loro rinnovo del 3 dicembre mi vedo costretto a tornarci sopra ancora una volta, a votazioni concluse, per alcune considerazioni finali dopo gli ultimi eventi. Ricapitolando, con il ridicolo numero di persone che si sono iscritte all’albo degli elettori dei consolati italiani per rinnovare i Comites – come già ho avuto modo di sottolineare - è emersa la certificazione dell’avvenuta scomparsa del mondo associativo in emigrazione che era il motore delle comunità italiane, non solo nel farsi interprete e portavoce delle sue necessità, bensì anche nel propagandare l’evento elettorale e nel sollecitare la partecipazione al voto per le elezioni dei Comites. Ad urne chiuse è arrivata la sorpresa che circa il 30% di coloro che si erano iscritti nell’albo degli elettori non hanno poi votato per cui presumibilmente alcuni saranno stati vittime di disguidi postali oppure del malfunzionamento della rete consolare ma altri, forse sollecitati ad iscriversi da questo o quel candidato amico, non hanno volutamente votato a conferma del vecchio adagio popolare “Dai nemici mi guardo io, dagli amici mi guardi Dio!” ad ulteriore dimostrazione dell’ormai diffuso disinteresse verso i Comites della gran parte degli iscritti AIRE. Morale: se la partecipazione a queste elezioni è risultata irrisoria – sia pure il linea con quella del 2015 - si può ritenere che, questi sopra elencati, ne siano i principali motivi, poi vi avranno influito anche altri fattori come il sistema elettorale con l’iscrizione all’albo, le difficoltà legate al covid-19, ecc. ecc. ma non addebitiamo la causa solo a quest’ultimi dimenticandoci il resto. Non sarebbe serio!

Come non è affatto serio quanto accaduto nelle elezioni del Comites di Zurigo e che merita di essere raccontato. Nel corso della campagna elettorale, ad alcuni elettori è pervenuta una lettera in cui si sollecitava il voto alla Lista IL PONTE con la preferenza a tre candidature (una donna e due uomini). Fin qui niente di anormale, lettere simili di sostegno a questa o quella lista, a questo o a quel candidato, ne sono pervenute anche molte altre. Quello che, in questo caso, ha fatto scattare la molla della protesta da parte di candidati e rappresentanti delle altre tre liste in lizza a Zurigo e, soprattutto, nel Comitato Elettorale Circoscrizionale (CEC) è stato il mittente di quella pubblicità elettorale che si è firmato con nome e cognome aggiungendoci, però, la sua qualifica di “Corrispondente consolare”. Con tempismo il Console Generale di Zurigo, nonché presidente del CEC, il Ministro Plenipotenziario Gabriele Altana, ha sollevato immediatamente dal suo incarico quel corrispondente consolare. Tuttavia i rappresentanti nel CEC delle liste avverse al IL PONTE hanno iniziato a contestare la validità di quelle schede che avessero contenuto la preferenza anche solo a due dei tre nominativi indicati in quella lettera. E così è avvenuto dopo una lunga ed accesa discussione terminata con una votazione nel CEC che ha visto contrari a tale decisione solo il presidente ed il rappresentante della lista “Il Ponte”! In conseguenza di tale decisione non sono state assegnate ben 104 schede a favore della lista “Il Ponte” che avrebbero potuto farle avere un seggio in più rispetto agli 8 seggi ottenuti su 18. Al di là delle iniziative legali che intenderanno eventualmente prendere, da un lato, il responsabile della lista “Il Ponte” e, dall’altro, gli eventuali candidati che, magari, si sono visti negare l’elezione a causa dell’annullamento di una parte dei loro voti di preferenza, la decisione assunta dal CEC di Zurigo non sta né in cielo né in terra e mi sorprende come possa essere stata sostenuta una tale tesi ed infatti, per il momento, il risultato di questo Comites è ritenuto provvisorio dall’Ambasciata d’Italia (v. box). Peraltro mi sorge anche un dubbio, siamo sicuri che una lettera di sostegno ad una lista e a dei candidati firmata da un “corrispondente consolare” li abbia veramente avvantaggiati e non penalizzati visto la non eccelsa reputazione dei consolati tra l’emigrazione? Battute a parte, quella decisione del CEC è veramente pericolosa poiché, se subita passivamente dai diretti interessati, potrebbe perfino “far scuola” in futuro in analoghe elezioni dove qualche candidato oppure il responsabile di una lista potrebbero trovare un corrispondente consolare e indurlo a far girare una lettera a sostegno di candidati di liste avverse allo stesso identico scopo di danneggiarli come sta accadendo a Zurigo!

Dino Nardi

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

COMITES ZURIGO - totale voti validi 2.431 (RISULTATI PROVVISORI in quanto pendenti i termini di ricorso per annullamento o modifica della proclamazione degli eletti a seguito di possibili irregolarità commessi dal seggio elettorale e dal Comitato elettorale circoscrizionale):
- 1^ lista “Il Ponte” voti 1.107 (45,4%) con 8 seggi conseguiti – voti totali PROVVISORI a seguito di mancato conteggio di voti validamente espressi alla lista.
- 2^ lista “Per la creazione di un Comites migliore” voti 704 (28,96%) con 5 seggi conseguiti
- 3^ “Rete Italia” voti 454 (18,6%), con 4 seggi conseguiti
- 4^ “Centro destra Unito in Svizzera” voti 166 (6,8%), con 1 seggio conseguito

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com