L'ECO tele7

Informarsi è un piacere!

“Al Colombo”

Un ristorante veramente intriso d'arte

A causa del maledetto virus per quasi due anni non ho più potuto mettere piede nella mia città. Perciò già prima di partire da Basilea mi sono ripromesso che come sarei giunto a Venezia da subito avrei compiuto una incuriosita passeggiata calpestando i suoi vetusti “masegni”, intesi come il selciato.

Qualche giorno dopo, trovandomi come naturale sia nel centro storico della regina dell'Adriatico, mi sono recato in uno dei più prestigiosi locali della città, il ristorante “Al Colombo” gestito nei minimi dettagli e cioè con una discreta eleganza e fantasia dal proprietario, il vulcanico Domenico Stanziani.

Ogni volta che lentamente mi aggiro all'interno di questo piacevole luogo riservato alle innumerevoli delizie culinarie legate soprattutto alla gloriosa cucina veneziana, mi soffermo ad osservare un gran numero di dipinti e disegni appesi alle pareti di affermati maestri veneziani nonché di molte nuove promesse . Inoltre ho scoperto un nutrito numero di piccole multicolori e variegate sculture di colombi concepiti da vari artisti locali. Pur nella loro diversità sono tanto fedeli ai pennuti originali e proposti dalla fervida mente di Domenico Stanziani ai numerosi clienti multilingue di questo ristorante. Colombi poi felicemente abbinati alle storiche affascinanti Marie in carne ed ossa del Carnevale veneziano.

Fra i quadri che conosco ormai da tempo e che rivedo sempre volentieri sono le grandi tele di Carlo Cherubini presenti nelle sale del Colombo, tele che sono di un maestro figlio d'arte, tutte opere figurative molto intense. Cherubini, nato ad Ancona nel 1897 ma trasferitosi con la famiglia in età giovane a Venezia, ha vissuto a Parigi e negli Stati Uniti. Tornato nel 1940 a Venezia ebbe l'occasione di eseguire per il proprietario del Ristorante al Colombo dell'epoca questo ciclo di tele. Su di uno scenario fisso si succedono gli attori di una “commedia umana” dove vizi e virtù generano trame di relazioni complesse e dove le figure ben strutturate arricchiscono la realtà che le circonda.

Andrea Pagnacco

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com