L'ECO tele7

Informarsi è un piacere!

Le imprese di Littmann

Il gallerista lungimirante

Non è di tutti i giorni entrare in una galleria d'arte e scorgere al centro dello spazio espositivo una Ferrari rossa formula 1 nel contesto di una mostra personale del maestro svizzero del '900 Jean Tinguely. Tutto ciò l'ho visto negli anni '90 nella galleria Littmann di Basilea. Tinguely amava quel genere di siluri competitivi nel mondo dell'inebriante alta velocità e il gallerista Klaus Littmann, lungimirante quale è, lo accontentò in pieno.

Di altri episodi del genere di largo respiro e immancabilmente superlativi e altamente impegnativi progettati da Littmann ne ricordo nitidamente alcuni perché li ho, come dire, vissuti in prima persona. In questa pagina ne elenco alcuni, per esempio l'autentico vagone delle ferrovie cinesi esposto per l'occasione in un hangar durante l'Arte Fiera di Basilea di parecchi anni fa.

E che dire di un cinema ricostruito nei minimi dettagli dove gli spettatori seduti su delle file di poltroncine guardavano attraverso una grande finestra il passaggio della gente sulla piazza antistante. Non succedeva praticamente niente di importante, ma gli spettatori si divertivano tantissimo, come se fossero al cinema vero.

Altra colossale performance di Littmann e della sua troupe era la ricostruzione di una città sotterranea in pieno centro di Basilea. Scendendo con una scala mobile ci si trovava davanti a dei più svariati negozi con le loro vetrine e insegne pubblicitarie.

Un'altra impresa stupefacente del gallerista a Basilea era il “Jardin des planètes”, perché alzando lo sguardo verso l'alto lungo un tratto del Reno si poteva ammirare l'insieme di 12 sfere splendidamente colorate sospese. Sfere concepite da 12 artisti internazionali che formavano un grandioso cosmo artefatto sopra la città renana.

E che dire della mostra “La messa è finita”? Dentro una chiesa basilese in disuso Littmann ha fatto vedere tramite delle grandi fotografie una serie di chiese italiane sconsacrate e il loro attuale scopo che va dalla discoteca al cinema, dall'ufficio postale al bar.

L'ultimo attuale progetto presentato dalla “Kulturstiftung H. Geiger” lo troviamo tuttora sulla piazza della cattedrale di Basilea. “Arena für einen Baum” è un poderoso intervento in chiave ecologica e cioè una semisfera in legno massiccio con al centro un vero e proprio albero del tipo legno-ferro scelto dall'architetto paesaggista Enzo Enea. Fino al 24 maggio 2021 si può entrare nella struttura, sostare sulle panchine apposte e riflettere sul rapporto fra uomo e natura.

Andrea Pagnacco

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com