L'ECO tele7

Informarsi è un piacere!

Covid e disoccupazione

Nuove indennità supplementari giornaliere

Oggi, 17 febbraio 2021 il Consiglio Federale ha finalmente deciso chi potrà e chi non potrà riaprire il prossimo primo di marzo accontentando taluni e scontentando altri.. Sempre oggi il medesimo Consiglio Federale ha licenziato un messaggio che molti attendevano poiché nel medesimo sono contenuti gli aggiornamenti alla legge Covid che il parlamento esaminerà il 21 marzo p.v. quando inizierà la sessione primaverile delle camere federali. Aggiornamenti che riguardano gli importanti sostegni miliardari all’economia e alle persone. Nel messaggio, tra le altre cose, viene indicato,in ambito di assicurazione contro la disoccupazione, come verranno concessi i 66 giorni d’indennità giornaliere supplementari per chi si ritrova disoccupato e di cui il medesimo consiglio Federale aveva accennato in una conferenza dello scorso mese di gennaio 2021.

Va innanzitutto precisato che nel sistema dell’assicurazione disoccupazione questi 66 giorni di indennità giornaliere supplementari corrispondono a 3 mesi (nei mesi che contano 31, 30 o 29/28 giorni, vengono, infatti, consumate 22/23 indennità e non come da giorni di calendario).

Orbene, ai sensi del messaggio, potranno beneficiare di questi 66 giorni supplementari tutti i disoccupati che il 1° marzo 2021 percepiranno ancora delle indennità.

Quest’aiuto supplementare, quando è stato annunciato lo scorso mese di gennaio, si prestava a molteplici interpretazioni. Il consiglio Federale non aveva ad esempio indicato quali fossero le condizioni per accedere a questo diritto. Il Governo non aveva nemmeno precisato se l’aiuto beneficiava anche ai disoccupati che lo scorso anno erano già stati sostenuti con 120 giorni d’indennità giornaliere supplementari.

Vi ricorderete, a questo proposito, che lo scorso mese di settembre il Consiglio Federale aveva deciso di concedere 120 giorni supplementari d’indennità giornaliere per tutte quelle persone che tra il 1° marzo e il 31 agosto 2020 percepivano delle indennità. Questi famosi 120 giorni arrivano a scadenza a marzo 2021, nel senso che chi aveva un diritto alla disoccupazione che terminava a settembre, ottobre dello scorso anno, con i 120 giorni supplementari, si ritrova oggi ad averli già consumati e pertanto in una situazione precaria.

Nel messaggio pubblicato oggi, il Governo, ha finalmente chiarito comunicando quanto segue:

La norma relativa al prolungamento dei termini quadro per gli assicurati che tra il 1° marzo 2020 e il 31 agosto 2020 hanno potuto beneficiare di un massimo di 120 indennità giornaliere supplementari (art. 17 lett. c legge COVID-19) non è toccata dalla nuova norma di cui all’articolo 17 capoversi 2 e 3. Il fatto che alcuni assicurati abbiano potuto beneficiare di un massimo di 120 indennità giornaliere supplementari non esclude detti assicurati dal diritto di beneficiare delle nuove indennità giornaliere supplementari. Contrariamente alla norma di cui all’articolo 17 lettera c, la nuova norma è direttamente applicabile senza che sia necessaria una sua attuazione nell’ordinanza COVID-19 assicurazione contro la disoccupazione del 20 marzo 202029. È pertanto garantita un’attuazione diretta dopo l’entrata in vigore della norma.

Questa precisazione è molto importante poiché la volontà del Consiglio Federale non lascia spazio ad interpretazioni. Vero è che il parlamento potrebbe decidere altrimenti ma vedo male un legislativo rifiutare un aiuto in una situazione disastrata dal profilo economico come quella che tutti oggi stiamo vivendo,

Conosco delle persone, purtroppo in disoccupazione, che avrebbero terminato di ricevere la indennità giornaliere a metà marzo 2021. Una di queste, prossima ai 60 anni, non avrebbe potuto nemmeno beneficiare del sostegno ai disoccupati sessantenni di cui vi ho già parlato lo scorso anno da queste colonne. Una delle condizioni per poter beneficiare di questo sostegno era, infatti, di terminare le indennità giornaliere dopo il compimento dei 60 anni. Orbene, la persona in questione, che avrebbe terminato le indennità a meta marzo 2021 compirà i 60 anni il 6 di aprile 2021. Per pochi giorni quindi (una quindicina o poco più), dettati dal caso, la persona in oggetto non avrebbe potuto beneficiare del sostegno terminando molto verosimilmente in assistenza visto il difficile periodo per chi sta cercando un posto di lavoro.

Mauro Trentini

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com