L'ECO tele7

Informarsi è un piacere!

Il ritorno alla natura – Lo zenzero

(Zingiber Officinale Roscoe)

Lo zenzero o ginger è una radice usata fin dall'antichità che, oltre a donare un fresco e tipico aroma alle pietanze e ad essere ideale per le diete dimagranti, vanta molte proprietà benefiche per la salute. È inoltre ritenuto un cibo afrodisiaco.

E' una pianta erbacea perenne appartenente alla famiglia delle Zinziberacee e originaria dell'Asia orientale, ha l'aspetto di una canna con grossi rizomi orizzontali tuberosi, con portamento eretto, che può raggiungere il metro e mezzo di altezza e ha una radice detta rizoma. Annualmente emette, direttamente dalla radice, uno stelo simile alla canna da zucchero, con foglie strette a forma di lancia. La fioritura è formata da una infiorescenza con l'aspetto di una spiga, composta di fiori bianchi, verde pallido o giallini che col tempo raggiungono il colore rosso. Il rizoma viene estratto dopo la fioritura quando la pianta ingiallisce. Ogni sua parte emette un fortissimo profumo e i suoi fiori sono anche usati come fiori recisi da regalare. Parente stretto delle orchidee, comprende un centinaio di specie diverse.

Ha le sue origini in Asia, in particolare Cina e India, dove veniva coltivato già 5000 anni fa e utilizzato come spezia, condimento e rimedio curativo. Sbarca nel nostro continente con Alessandro Magno, e il suo uso si diffonde dall'Antica Grecia a tutto l'Impero Romano, arrivando grazie agli Arabi fino all'Africa. E' un periodo particolarmente fiorente per il commercio di spezie, e lo zenzero diventa tra il XIII e il XIV la spezia piu' commercializzata: in forma essiccata e polverizzata, viaggia dall'Oriente fino al bacino del Mediterraneo, si diffonde a macchia d'olio, conquista i popoli con le sue proprietà cosi sorprendenti da sembrare magiche. Infatti veniva usato come conservante alimentare perchè aggiunto ai cibi ne impediva, o meglio rallentava, il deterioramento.  Oggi diremmo che questa proprietà è dovuta ai principi attivi antimicrobici caratteristici di questa spezia ma nell'antichità non vi erano ancora conoscenze precise di tipo scientifico e quindi venivano attribuite allo zenzero facoltà magiche.

Proprietà

Contro raffreddore e influenza: lo zenzero e le sue proprietà curative sono un toccasana soprattutto durante la stagione invernale per prevenire e curare la febbre, il raffreddore o la tosse. Normalmente, viene assunto sotto forma di tè. Il gingerolo, una sostanza aromatica piccante, stimola la circolazione sanguigna contribuendo così a rafforzare il sistema immunitario e a liberare le vie respiratorie. Con le sue proprietà antinfiammatorie, lo zenzero permette inoltre di trattare le mucose irritate. Allo stesso tempo, vanta proprietà antifebbrili e sudorifere.

Contro nausea, mal d'auto o mal di mare: i principi attivi del rizoma sono particolarmente efficaci in caso di nausea e vomito. Grazie all’assorbimento degli acidi gastrici, queste sostanze riducono la nausea e la sensazione di malessere.

Contro il dolore: con le sue proprietà antinfiammatorie e analgesiche, il bulbo dello zenzero rappresenta un’ottima soluzione in caso di dolori o infiammazioni. Aiuta a diminuire il dolore nei pazienti affetti da osteoartrite, ciò grazie alla sua capacità di inibire la produzione di citochine, molecole che causano l'infiammazione. Da uno studio realizzato di recente in Danimarca, l'estratto di zenzero, è risultato più efficace di cortisone e ibuprofene, e non ha i pesanti effetti collaterali che potrebbero invece causare questi farmaci. E' inoltre molto efficace nell'alleviare il mal di testa grazie alla sua capacità di migliorare la circolazione e impedire alle prostaglandine di causare dolore a livello dei vasi sanguigni. In questi casi è molto utile assumerne una tisana durante gli attacchi.

Come cura disintossicante e dimagrante: lo zenzero è un ingrediente molto apprezzato anche in diverse cure dietetiche. Da un lato stimola il metabolismo, mentre dall’altro la sua intensità favorisce la circolazione aumentando così la temperatura corporea. Lo zenzero aiuta inoltre a smaltire più velocemente tossine e sostanze nocive ed è quindi molto indicato per una cura detox.

Contro le tensioni muscolari: lo zenzero potrebbe essere il rimedio ideale anche per chi pratica sport: dopo gli allenamenti si possono massaggiare i muscoli con un mix realizzato con zenzero fresco e olio di sesamo. Vi basterà applicarlo sulle zone interessate massaggiando fino ad assorbimento. Questo rimedio risulta utile anche da applicare sul cuoio capelluto in caso di forfora o caduta dei capelli.

Come si utilizza

Tisana con lo zenzero fresco: prendete un pezzetto di zenzero di circa 4 cm, tagliatelo a pezzetti sottili e mettetelo in un pentolino con due tazze d'acqua. Se si desidera un tè molto forte, grattuggiare lo zenzero. Fate bollire, coprendo con un coperchio, per circa 20 minuti a fuoco lento. Lasciate poi riposare per 5 minuti e bevete.

Acqua di zenzero: in una brocca con dell’acqua inserite mezza fetta di ananas, qualche fetta di cetriolo, una fetta di limone e una fettina di radice di zenzero, e fate macerare per una notte in frigorifero. Consumate la “detox water “così ottenuta durante il giorno, per avere dei risultati contro la cellulite consigliamo di assumerla per almeno un mese.

Masticare una fettina fresca in caso di nausea dovrebbe contribuire velocemente ad alleviare il disturbo anche quando il malessere insorge nei viaggi in macchina. I marinai cinesi la usavano anche per diminuire gli effetti del mal di mare. Alcuni consigliano questa abitudine anche per combattere la nausea in gravidanza ma in questo caso chiedete prima consiglio al medico. Masticare la radice di zenzero serve anche per migliorare problemi di alito cattivo.

Olio aromatico allo zenzero: mettete a macerare per una settimana delle fettine di zenzero (circa 30 grammi), sempre senza buccia, in 500 ml di olio d’oliva, potrete usarlo per condire pietanze a piacere. Si presta bene per insaporire insalate e verdure, sia crude che cotte.


Caffè aromatizzato: se macinate il caffè insieme ad un bastoncino di cannella, un paio di bacche di cardamomo, pepe e dello zenzero essiccato otterrete una miscela speziata. Un caffè particolare, diffuso in Marocco, che si presta bene per concludere un pasto abbondante.

La ricetta

Zenzero candito

Dopo aver pulito il rizoma, si procede tagliandolo a fette sottili e facendolo bollire per 30-40 minuti o fino a quando non risulta morbido. A questo punto lo zenzero andrà scolato e messo nuovamente in pentola con qualche cucchiaio di acqua e dello zucchero di canna. Aspettate fino a che l’acqua non sarà evaporata. Fate raffreddare ed asciugate le fettine di zenzero, cospargetele con lo zucchero di canna e… vedrete che bontà!


Stefania Calzà Santoni

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com